Come essere un politico vincente (parte 1)

IL POLITICO VINCENTE

Politico vincente, politico di successo: come diventarlo?

Tutti i politici che hanno avuto successo nella loro storia professionale hanno delle caratteristiche in comune che li hanno resi, o che li rendono, differenti dagli altri.

Ad esempio, quali caratteristiche avevano in comune personaggi come, John Fitzgerald Kennedy, Ronald Reagan, Bill Clinton, o Obama?

Questi politici-star hanno avuto certamente un “qualcosa” in più rispetto ai tanti politici, che deriva non tanto dal puro talento, quanto dalla capacità di pianificare e di apprendere delle competenze fondamentali per il loro successo.

target

REGOLA 1 – IL RAPPORTO CON GLI ELETTORI

La prima caratteristica che deve avere un politico che desidera diventare un politico di successo

è sicuramente l’orientamento al proprio mercato elettorale, ai propri elettori.

Questo significa essere costantemente sintonizzati con i loro bisogni, desideri e sentimenti, in modo da capire in tempo i cambiamenti in atto nell’opinione pubblica.

Prima di individuare i loro specifici bisogni, è necessario anche comprendere a chi il politico sta comunicando, cioè a quali elettori-bersaglio e individuare le caratteristiche specifiche di queste elettori.

In particolare il loro profilo

  • socio-demografico (sesso, età, luogo di residenza),
  • economico (reddito, status),
  • psicografico (atteggiamenti, stile di vita),
  • comportamentale.

Essere orientati al proprio mercato elettorale quindi significa posizionarsi in base alle esigenze dei propri specifici elettori, domandandosi:

quali sono i loro specifici bisogni? Quali sono le loro particolari priorità?

Ascoltare le loro esigenze, perciò, è il primo passo necessario alla costruzione del successo politico e necessario ad una comunicazione efficace,

perché non si può inviare il proprio messaggio a tutto l’elettorato in modo indifferenziato: parlare a tutti è come parlare a nessuno.

Questo non significa che il politico deve ricercare soluzioni populiste ai problemi degli elettori, ma deve sempre sapersi mettere in ascolto per essere consapevole delle esigenze del proprio elettorato.